Penale

Anche in caso di recidiva la truffa non è perseguibile d'ufficio

Fonte: Guida al Diritto Nella truffa la recidiva non è qualificabile come una circostanza aggravante - riguardando la persona del colpevole senza incidere sul fatto - per cui non rende il reato perseguibile d'ufficio. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 26029/2014 , accogliendo il ricorso di un uomo condannato a sei mesi di reclusione per aver pagato un fornitore con un assegno falso. La fase di merito - I giudici ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?