Penale

Scatta il reato di peculato per il carabiniere che si appropria delle armi del collega defunto

Francesco Machina Grifeo

Fonte: Guida al Diritto Scatta il reato di peculato per il brigadiere dei Carabinieri che si appropria delle armi «ritirate» agli eredi di un collega. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 24373/2014 , respingendo il ricorso del militare. A sua difesa il carabiniere aveva sostenuto l'errata applicazione dell'articolo 314 del Cp in quanto i beni erano destinati alla distruzione, non avevano «valore» e mancava un regolare «verbale del sequestro». Il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?