Penale

Procedura penale: nel giudizio direttissimo la nuova contestazione non cambia il rito

Francesco Machina Grifeo

Fonte: Guida al Diritto Se nell'ambito di un giudizio direttissimo sorge una ulteriore contestazione (in questo caso una aggravante) il giudice monocratico deve disporre «orizzontalmente» la trasmissione degli atti al Collegio e non, dunque, fare un passo indietro rinviandoli al Pm come avverrebbe nel rito ordinario. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 24006/2014 , enunciando un principio di diritto. La vicenda - La vicenda riguardava un uomo condannato per vari reati ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?