Penale

Esercizio abusivo per l'avvocato "sospeso" che incontra i detenuti

Fonte: Guida al Diritto Incorre nell'esercizio abusivo della professione l'avvocato sospeso - a seguito di una sanzione disciplinare - che continui a incontrare i detenuti suoi assistiti. Il colloquio in carcere costituisce, infatti, un atto tipico e riservato agli avvocati, né può scriminare la condotta sostenere di aver parlato d'altro, in quanto gli incontri sono stati comunque resi possibili dal «rapporto difensivo». Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la decisione 18745/2014 , annullando la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?