Penale

Consulta: no alla Fini-Giovanardi Pene minori per droghe leggere Possibili circa 10mila scarcerazioni

Donatella Stasio

Una sentenza «storica», è stata giustamente definita quella pronunciata ieri dalla Corte costituzionale che ha cancellato il cuore della legge Fini-Giovanardi, ripristinando quindi la distinzione tra droghe pesanti e leggere e pene più basse per quest'ultime. La cancellazione è un effetto indiretto dell'illegittima "scorciatoia" con cui venne imposta quella legge, cioè un maxiemendamento approvato durante la conversione del decreto sulle Olimpiadi invernali (nel 2006), «disomogeneo» rispetto al contesto in cui venne inserito. Quello della maggioranza, quindi, fu una sorta ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?