Penale

Droga: ingiusta detenzione, il linguaggio in codice fa perdere il diritto all'indennizzo

Francesco Machina Grifeo

Fonte: Guida al Diritto Stretta della Cassazione sul riconoscimento dell'equo indennizzo per ingiusta detenzione. Anche l'uso di espressioni in codice nelle conversazioni telefoniche, per occultare una condotta illecita, può, infatti, integrare i presupposti della colpa grave dell'indagato e fargli perdere il diritto al beneficio.Con questa motivazione le sezioni Unite, con la sentenza 51779/2013 , al termine di una articolata sentenza, hanno respinto il ricorso contro il diniego dell'indennizzo deciso dalla Corte di appello di Catania a ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?