Parlamento e giustizia

Tutto è rimesso al parere del giudice

di Giovanni Negri

La scure della nullità a tutela dell’equo compenso. Il disegno di legge approvato ieri dal Consiglio dei ministri mette nelle mani dell’autorità giudiziaria sia la sanzione sia il rimedio. Sarà infatti il giudice a farsi garante del ripristino dell’equilibrio contrattuale tra avvocato e cliente forte. Da una parte annullando la clausola vessatoria, ma lasciando sopravvivere il resto del dell’accordo, dall’altra determinando l’importo da corrispondere per riequilibrare il rapporto contrattuale. In questa prospettiva, decisivi saranno i parametri che costituiranno il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?