Parlamento e giustizia

Se il concordato salta i creditori non devono restituire l’incassato

di Giuseppe Acciaro, Roberta Campesi e Alessandro Danovi

Tra i criteri direttivi dati al Governo per la riforma della crisi d’impresa e dell’insolvenza, la legge delega in materia presentata il mese scorso ha previsto di cambiare in modo organico le procedure concorsuali. Un punto delicato si annuncia il trattamento di quanto riscosso dai creditori durante il concordato preventivo quando poi esso viene dichiarato risolto e si apre quindi il fallimento: le modifiche urgenti varate l’anno scorso (Dl 83/2015), pur comprendendo una rivisitazione del concordato preventivo, non hanno ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?