Parlamento e giustizia

Tre mesi per le nomine: al Csm tempi più stretti

di Giovanni Negri

Spazi più ristretti per contestare le decisioni del Consiglio superiore della magistratura nell'assegnazione degli incarichi direttivi. Ma anche un taglio ai tempi delle decisioni stesse. Il decreto legge sulla pubblica amministrazione interviene anche sul delicato fronte delle procedure di nomina dei vertici degli uffici giudiziari. Da una parte si prevede che il Csm deve provvedere al conferimento delle funzioni direttive e semidirettive entro 3 mesi dalla pubblicazione del posto vacante. Non sta nei tempi? E allora, in ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?