Senza «obblighi» la difformità entro il 2%

LA DOMANDA Si pone il caso che il direttore dei lavori, in corso d'opera o a fine lavori, si accorga che l'opera presenta una leggera "difformità", dovuta a un'altezza maggiore di quella di cui al titolo abilitativo, che, comunque, rientra nel margine del 2 per cento (ex articolo 34, comma 2-ter, della legge 106/2011), quindi non assoggettabile a sanzione alcuna. Non potendo accedere alla regolarizzazione (ex articolo 36) così come alla sanzione pecuniaria (ex articolo 34), quale procedura è prevista, o comunque conviene adottare, in tali circostanze?




G. D. - ARZANO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?