Riduzione dei radiatori con relazione tecnica

LA DOMANDA Sono proprietario di un appartamento al quarto e ultimo piano di un fabbricato degli anni 70, con lastrico solare senza tetto né camera d'aria. Nel rifare le tabelle millesimali, il Ctu (consulente tecnico di ufficio) ha riscontrato, negli appartamenti all'ultimo piano, radiatori dell'impianto centralizzato con calorie doppie (installati dall'impresa costruttrice per compensare la dispersione termica) e, quindi, ha calcolato per tali unità i millesimi del riscaldamento raddoppiati rispetto agli appartamenti simili dei piani sottostanti. Il Ctu ha operato bene, non tenendo conto della dispersione termica? Se volessi ridurre i radiatori del mio appartamento, come numero o potenza calorica, quale procedura dovrei seguire nei confronti del condominio?




Marialaura LAMPARELLI - BOLOGNA

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?