Il recesso dal contratto a tempo indeterminato

LA DOMANDA Sono stato assunto dal 21 dicembre 2013, come commesso a tempo determinato, fino al 31 marzo 2014. Il 10 febbraio scorso, la ditta licenzia me e altri 4 dipendenti per giusta causa "oggettiva". Leggo che la giusta causa è ben altra cosa e che è l'unico motivo di licenziamento nei contratti a termine. Sono stato assunto come commesso in una attività sulle piste da sci, dove le mie mansioni sono quelle di affittare attrezzi da sci ai clienti. Nella loro motivazione si dice che, per mancanza di neve e per la chiusura degli impianti, sono costretti a licenziarmi. Dopo una chiusura di 10 giorni, tornata la neve, la stazione sciistica ha riaperto e la ditta dove lavoravo ha riassunto due dei 4 licenziati, lasciando me ed altri due fuori. Poteva la ditta riassumere a sua scelta? Esiste la giusta causa oggettiva? Ma, soprattutto, poteva la ditta licenziarmi pur avendomi fatto firmare un contratto a termine fino al 31 marzo 2014?




Oietro SCARPITTI - ROCCARASO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?