Se il subappaltatore è in ritardo con il fisco

LA DOMANDA Una società committente fa effettuare lavori in appalto a un terzo, che paga ancor prima di farsi rilasciare da questi la dichiarazione di avere regolarmente versato i contributi, l'Irpef e l'Iva. Dopo qualche tempo, e cioè a pagamento avvenuto del committente, viene alla luce l'irregolarità e il terzo comunica che sta effettuando le rateazioni. Si chiede se, con tale rateazione, il committente può essere esonerato dalle sanzioni di legge per avere pagato prima che il terzo gli abbia fornito la documentazione di legge, e se le rateazioni devono riguardare, per essere immuni da colpe, Irpef e Iva. Per quest'ultima imposta, si chiede altresì se la nuova legge abroga la vecchia, in base alla quale era necessario dimostrarne il pagamento, oppure se fino a una certa data bisognava munirsi delle dichiarazioni dell'avvenuto pagamento dell'Iva.




E. G. - SANT'ELPIDIO A MARE

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?