Supercondominio: libertà di voto in assemblea

LA DOMANDA In un supercondominio, comprendente 20 palazzine da 15 condomini cadauna, ai sensi dell'articolo 67 delle disposizioni di attuazione del Codice civile, sono stati nominati i rappresentanti che devono partecipare all'assemblea generale. Premesso che ogni singolo il rappresentante è stato nominato con i 2/3 degli intervenuti e del valore di ciascuna palazzina, vorrei sapere se il voto del rappresentante, in seno all'assemblea generale per l'approvazione del rendiconto, verrà conteggiato per quindici condomini e per il totale dei millesimi, oppure lo stesso deve votare secondo l'intenzione di ogni singolo condomino e quindi, per esempio, votare 10 sì e 5 no per rappresentare la precisa ripartizione della volontà dei condomini che rappresenta. L'articolo citato precisa che "ogni limite o condizione al potere di rappresentanza si considera non apposto". Cosa vuol dire?




Pietro CECALUPO - MODUGNO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?