Il donante non può impugnare la donazione

LA DOMANDA Siamo tre fratelli il cui padre, vedovo, si è risposato. Nostro padre ci ha detto che ha fatto testamento eleggendoci eredi universali, mentre alla moglie ha lasciato un legato (denaro), confidando nel fatto che quest'ultima non farà azione di riduzione alla sua morte ma si "accontenterà" di quanto disposto dal marito. Alla morte di nostra madre, noi figli avevamo donato a nostro padre un immobile che ora pertanto risulta intestato solo a suo nome. Se l'attuale moglie dovesse fare azione di riduzione per lesione della legittima, sarebbe possibile per noi figli, entro i 10 anni dalla donazione al padre, impugnarla?




S. R. - ZANE'

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?