L'usucapione dev'essere dichiarata con sentenza

LA DOMANDA Ero comproprietaria al 50% dell'abitazione principale, con mio marito, deceduto nel 1993. Mio marito ha avuto due figli in prime nozze a cui ha destinato per testamento tutta la quota disponibile. Sono trascorsi oltre 20 anni e tutte le ristrutturazioni sono state da me sempre sostenute senza mai alcun loro contributo. Tra l'altro, ho perso anche le loro tracce avendo gli stessi trasferito la residenza e non avendomi mai comunicato il loro nuovo indirizzo. Posso invocare l'istituto dell'usucapione, oppure, in tema di eredità e di testamento pubblico non è possibile usucapire? Come posso fare per verificare se nell'arco dei primi 10 anni hanno accettato l'eredità senza, oppure con beneficio d'inventario? Nel caso sia stata accettata, posso riscattare la mia quota facendo valere le spese da me anticipate?




A. D. - BARI

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?