È contestabile la spesa non approvata

LA DOMANDA Ho acquistato un appartamento, a ottobre 2012, in un complesso costituito da due palazzi da due piani, uno completamente occupato e l'altro occupato solo da me al secondo piano. L'amministratore, che ho trovato già nominato dal costruttore e dal condomino dell'altro palazzo, non ha convocato mai un'assemblea, sebbene io l'abbia più volte sollecitato. Ora mi presenta un bilancio consuntivo relativo a più anni, dal quale si evince che devo pagare interamente, essendo l'unico condomino del mio palazzo, un conto Enel di circa mille euro, perché collegato a una utenza luce e ascensore che non ha mai funzionato, e che io non ho mai chiesto di attivare. Anzi, di questa utenza non ero assolutamente a conoscenza. Poteva l'amministratore sottoscrivere quel contratto di fornitura di energia elettrica senza il consenso dell'assemblea (non esiste alcun verbale nel quale lo si autorizza, prima che io acquistassi l'appartamento) e senza avermi informato in alcun modo di queste spese?




G. T. - CAMPOBASSO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?