Lecita la sanzione per chi viola il regolamento

LA DOMANDA Come può l'assemblea condominiale sanzionare, magari per disturbi notturni e panni stesi in violazione del regolamento, sulla base delle prescrizioni presenti nel regolamento di condominio che richiama l'articolo 70 delle disposizioni attuative del Codice civile, quando trattasi di comportamenti tenuti nella proprietà privata e non relativi alle modalità di gestione ed uso delle parti comuni? Tali prescrizioni non dovrebbero considerarsi norme di civile convivenza, la cui tutela andrebbe rimessa esclusivamente ad un mediatore e, in mancanza di accordo, ad un giudice di pace (pertanto insanzionabili da parte dell'assemblea condominiale)? Rammento che, secondo la massima della sentenza della pretura civile di Pisa, 3 maggio 1993, n.140, lo stendimento dei panni su di un balcone condominiale non può essere assunto come elemento di deturpamento del decoro architettonico.




ANTONIETTA LEONE - PARMA

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?