Nei crediti verso soci i versamenti ancora dovuti

LA DOMANDA Una piccola Spa, proprietaria di un campo da golf, decide un aumento di capitale da 120.000 a 920.000 euro, deliberato da un'assemblea nel settembre 2011, da ripartire in tre distinti versamenti, la cui conclusione era fissata per il 31 dicembre 2012.Il primo versamento è avvenuto nei tempi previsti, a gennaio 2012, e il secondo versamento, inclusa una parte dell'inoptato, è seguito a giugno 2012. Durante l'assemblea dei soci, nella primavera del 2013, viene presentato il bilancio al 31 dicembre 2012 in cui appare la seguente voce: "in attesa aumento di capitale: 184.000 parte del secondo versamento previsto di 240.000".A tutt'oggi non si è proceduto all'aumento di capitale riferibile al secondo versamento, con la motivazione che un socio ha sottoscritto l'aumento ma non ha proceduto al relativo versamento. corretto che l'importo di 184.000 euro sia già stato utilizzato per spese relative alla realizzazione del campo? Posso chiedere la restituzione del secondo importo, visto il mancato rispetto dei tempi previsti?




C. V. - MONTE SAN PIETRO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?