Ascensore e scale: regole senza analogia

LA DOMANDA Nel condominio in cui abito è stato deciso di sostituire il vecchio ascensore (degli anni 80), presente sin dall'origine, con uno nuovo. Si pone il problema se i proprietari del piano terra debbano contribuire a tali spese. Premetto che, trattandosi di intervento di manutenzione straordinaria e adeguamento alla normativa comunitaria, qualora fossero proprietari dell'impianto, esistente fin dall'origine, sarebbero tenuti a corrispondere la quota di loro competenza in base alle quote millesimali di proprietà. L'ascensore esistente sin dall'origine si presume impianto comune a tutti i condòmini, compresi quelli del piano terra, se il contrario non risulta dal titolo. Nell'atto di acquisto è espressamente indicato che i condòmini del piano terra non sono proprietari delle scale, mentre non si fa alcuna menzione circa l'ascensore. corretto dire che per analogia, non essendo proprietari delle scale, non lo sono neanche dell'ascensore?




E. A. - RAGUSA

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?