I termini per impugnare il licenziamento

LA DOMANDA Una volta impugnato un licenziamento nei 60 giorni, e una volta che è stata proposta azione cautelare nei 180 giorni, sfociata in una ordinanza collegiale in sede di reclamo, ci sono (e, in caso di risposta affermativa, quali sono) termini per proporre successivamente azione di merito? Può ritenersi il termine dei 180 giorni sospeso durante la fase cautelare? Oppure ne decorre uno nuovo? O, il che mi sembrerebbe assurdo e contrario alla ratio della legge, esaurita la fase cautelare varrebbe il solo termine prescrizionale quinquennale?




G. P. - BARI

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?