I criteri per la validità in seconda convocazione

LA DOMANDA Le assemblee, nel nostro condominio, si costituiscono sempre in seconda convocazione, e, quindi, mi pare che, per poter deliberare, dovrebbero essere sufficienti i quorum previsti al terzo comma dell'articolo 1136 del Codice civile, mentre il nostro amministratore considera quello previsto al secondo comma dello stesso articolo 1136.In effetti, questo secondo comma stabilisce che sono valide le delibere approvate con la maggioranza degli intervenuti e la metà dei millesimi. Chi ha ragione?




Ugo MORE' - MILANO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?