Le parti comuni «fanno» il supercondominio

LA DOMANDA Il locale della ex centrale termica, sostituita dal teleriscaldamento (Tlr), ora usato come deposito condominiale, è l'unica proprietà comune ai 520 condòmini, dislocati in 19 palazzi o loro aggregazioni; in ognuno di essi abitano oltre 35 condòmini. Le tubature del Tlr e i 38 scambiatori riscaldamento/acqua, dislocati in 19 sottocentrali, appartengono al fornitore; le successive condotte sono proprietà comune ai condòmini dei rispettivi palazzi o loro aggregati, sino all'appartamento, come da regolamento assembleare. Comuni ai 520 condòmini sono invece il pozzo artesiano e le sue condotte sino ai palazzi. Proprietà comune a soli 485 dei 520 condomini è, invece, la saletta con gli uffici (catastalmente in categoria A/10), acquistata dal costruttore; qui lavorano l'amministratore e la dipendente del "condominio complesso".Basta questo a rendere applicabili le norme sul supercondominio, ex articolo 67 delle disposizioni di attuazione del Codice civile?




P. C. - FERRARA

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?