Interventi non autorizzati: limiti al rimborso

LA DOMANDA Viviamo in un complesso di quattro villette a schiera. Qualche giorno fa una sola famiglia, nostra vicina di casa, ha commissionato ad alcuni operai un intervento di riparazione del cancello automatico (comune a tutti, in quanto fornisce l'accesso allo scivolo per i garage) ormai rotto da anni. La cosa in sé non sarebbe negativa; il fatto è, però, che l'intenzione di svolgere il lavoro non è stata preventivamente comunicata alla nostra famiglia (motivo: pregressi litigi assolutamente non legati a questo caso specifico), fino al momento in cui il lavoro non è stato completato. Ora ci viene chiesto di pagare la nostra parte della fattura. Per quanto l'intervento possa essere stato positivo, non mi sembra corretto l'atteggiamento consistente nel non interpellare una delle quattro famiglie del complesso di villette per un lavoro su una parte comune, come il cancello automatico. Siamo costretti a pagare la nostra parte o possiamo, in qualche modo, contrastare questo comportamento?




M. M. - VILLAFRANCA DI VERONA

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?