Da una famiglia voucher a più collaboratori

LA DOMANDA Una famiglia, in qualità di committente, ha intenzione di incaricare due persone per occuparsi di lavori domestici e assistenza alla persona, retribuendole mediante voucher per "prestazioni di lavoro occasionale di tipo accessorio (Loa)".Premesso che il compenso netto annuo di ogni singolo lavoratore non supererebbe i 5mila euro, dal momento che a ognuno è richiesto un impegno giornaliero di una o, al massimo, due ore, con retribuzione lorda oraria di un buono lavoro da 10 euro, è legittimo che la prestazione lavorativa venga effettuata tutti i giorni dell'anno? Si precisa che eventuali giorni di assenza, dovuti a un qualsiasi motivo, verrebbero coperti mediante incarico ad altre persone, sempre tramite il sistema dei buoni per Loa, e che i lavoratori da incaricare non percepiscono alcun voucher da altri committenti.




L. A. - SASSARI

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?