Se il bagno «abusivo» ha sostituito un ripostiglio

LA DOMANDA Ho ereditato un appartamento in cui, nel 1997, da un ripostiglio senza finestra è stato ricavato un bagno abusivo con impianto chimico, in seguito accatastato comunque come bagno. mia intenzione, nei prossimi anni, vendere l'appartamento, mettendolo prima in regola, anche tramite il pagamento di eventuali penali. Cosa devo fare? Smantellare tutto e chiedere il ripristino della mappa catastale originaria? O basta pagare una multa lasciando tutto così?




T. M. - GENOVA

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?