Doppio criterio per dividere i costi dell'ascensore

LA DOMANDA Abito in condominio al primo piano e, praticamente, non utilizzo l'ascensore. Il regolamento condominiale prevede che le spese straordinarie a esso relative siano suddivise in base ai millesimi generali, a me più sfavorevoli. Con questo criterio, ad esempio,è stata recentemente ripartita la spesa della sostituzione del quadro di manovra. Mi sembra di capire, però, che la legislazione non specifichi quali vadano esattamente intese come spese straordinarie. Il dubbio sorge per quelle spese che non sono di ordinaria manutenzione, nel senso che si affrontano eccezionalmente, ma che sono evidentemente imputabili all'usura causata dall'utilizzo dell'ascensore, come la sostituzione delle corde, dell'argano eccetera, che, a mio avviso, sarebbe più corretto suddividere secondo i millesimi della tabella ascensore, che tiene conto dell'altezza del piano e, di conseguenza, del maggiore uso da parte del singolo condomino. Qual è il parere dell'esperto?




G. L. - MILANO

Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?