Comunitario e internazionale

Il figlio non deve essere costretto a lasciare la Ue se la madre non ha il permesso di soggiorno

di Marina Castellaneta

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L'interesse superiore del minore prima di tutto. Nelle decisioni sulla concessione del permesso di soggiorno a madri, cittadine extra Ue, con figli cittadini di uno Stato membro, le autorità nazionali devono assicurare che la relazione affettiva non sia interrotta e che il minore non sia costretto ad abbandonare lo Stato Ue perché la madre non ha il permesso di soggiorno. È quanto ha stabilito la Corte di giustizia dell'Unione europea con la sentenza depositata ieri nella causa C-133/15, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?