Comunitario e internazionale

Sigarette, lo Stato può frenare i ribassi

di Marina Castellaneta

Gli Stati possono imporre ai venditori al dettaglio di prodotti derivanti dal tabacco, per motivi legati alla salute pubblica, di non fissare un prezzo inferiore all’importo che il produttore o l’importatore indicano sul bollo fiscale (che è una sorta di prezzo concordato) apposto al prodotto. Per la Corte di giustizia Ue che si è pronunciata ieri nella causa C-221/15, in questi casi non è violata la libera concorrenza tra produttori o importatori. Con la conseguenza che gli Stati riconquistano ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?