Comunitario e internazionale

Le fatture tra partner esteri «siano in lingua nota alle parti»

di Paolo Centore

No al protezionismo linguistico nella redazione dei documenti fiscali. A due mesi esatti dalle conclusioni dell’Avvocato generale nella causa C-15/15, la Corte europea ha depositato ieri la sentenza, con la prevedibilissima conferma dell’incompatibilità con il diritto dell’Unione di una norma nazionale che imponga agli operatori di redigere le fatture esclusivamente nella lingua ufficiale di questo Paese, a pena di nullità delle fatture. La controversia sorge in Belgio tra la New Valmar, una società con sede nella regione di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?