Comunitario e internazionale

Sì al trattenimento del richiedente asilo per motivi di sicurezza

Francesco Machina Grifeo

Motivi di sicurezza nazionale o di ordine pubblico consentono di applicare anche ad un richiedente asilo la misura del “trattenimento”. Lo ha stabilito la Corte Ue, sentenza nella Causa C-601/15 , chiarendo che la direttiva 2013/33 non è in contrasto con il livello di protezione offerto dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. I giudici di Lussemburgo hanno chiarito anche che la presentazione di una nuova domanda di asilo da parte di una persona destinataria di una decisione di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?