Comunitario e internazionale

Corte Ue, per il giornalista la diffamazione non scatta per una sola frase

di Marina Castellaneta

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L'approccio eccessivamente rigoroso nella valutazione di un articolo di stampa, considerando un'unica frase, che porta a un allontanamento dai parametri fissati dalla Corte europea dei diritti dell'uomo, è in contrasto con l'articolo 10 della Convenzione, che assicura il diritto alla libertà di espressione. I giudici nazionali, nel valutare la condotta di un reporter in un caso di diffamazione sono tenuti a rispettare gli standard di Strasburgo e a valutare la buona fede del giornalista per non incorrere in ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?