Comunitario e internazionale

Permesse le cure all'estero ma senza «automatismi»

di Marina Castellaneta

Libera circolazione dei pazienti nello spazio Ue ma con alcuni paletti. La Corte di giustizia Ue nella sentenza depositata ieri (causa C-268/13) ha delineato il perimetro entro il quale i cittadini possono andare in uno Stato membro diverso da quello della residenza per ottenere cure mediche. È stato il Tribunale di Sibiu (Romania) a rivolgersi a Lussemburgo. Una donna, sofferente di una grave patologia cardiovascolare e colpita da infarto, dopo un ricovero a Timisoara, aveva deciso di andare in ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?