Professione

Il consulente paga solo se si prova che il ricorso avrebbe battuto il Fisco

di Patrizia Maciocchi

L’errore del commercialista nel proporre in ritardo un ricorso contro un atto impositivo può far scattare il risarcimento del danno solo se il cliente dimostra che, se presentata tempestivamente, la “contestazione” sarebbe stata accolta. Con la sentenza 10586 depositata il 4 maggio scorso, la Corte di cassazione ha quindi respinto il ricorso di una società in accomandita semplice e delle due socie contro il professionista a cui avevano affidato la contabilità e gli adempimenti connessi all’attività ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?