Civile

La legge «vieta» i separati in casa

di Angelo Busani e Elisabetta Smaniotto

Non può essere omologato l’accordo di separazione consensuale con il quale i coniugi convengono di separarsi pur intendendo proseguire la loro convivenza. Non è pertanto possibile che i coniugi domandino al giudice di avallare la loro condizione di “separati in casa”, in quanto una simile situazione non è permessa dalla legislazione vigente, poiché, altrimenti, l’istituto della separazione consensuale si potrebbe anche prestare per assumere accordi del tutto svincolati «da riferimenti oggettivi», e realizzare «operazioni elusive o accordi simulatori» ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?