Civile

Interdizione negata se basta l’amministratore di sostegno

di Selene Pascasi

Interdizione negata per l’infermo di mente in grado di gestire le operazioni quotidiane. Il giudice, infatti, nel valutare la ricorrenza delle condizioni per la nomina di un amministratore di sostegno, deve valutare, a prescindere dal grado di infermità, le residue capacità ed esperienze di vita del soggetto, maturate attraverso gli studi o il lavoro. Lo afferma il Tribunale di Udine, con la sentenza 435 del 25 marzo scorso(presidente Pellizzoni, relatore Carmineo). A chiedere l’interdizione per un’ex impiegata postale, è ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?