Civile

Tardiva l’opposizione alla sentenza di fallimento se fatta dopo più di trenta giorni dalla notifica con la Pec

di Mario Finocchiaro

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

E' inammissibile, in quanto tardivo, il ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte di appello che ha rigettato la opposizione avverso la sentenza dichiarativa del fallimento, proposto oltre il trentesimo giorno dalla notificazione della sentenza stessa da parte della cancelleria in via telematica, mediante spedizione della stessa mezzo Pec, ai sensi del decreto legge n. 179 del. 2012 (convertito nella legge n. 221 del 2012). Questo il principio espresso dalla sezione I della Cassazione con l’ ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?