Civile

Recesso per mafia, al giudice ordinario gli inadempimenti precedenti della Pa

Francesco Machina Grifeo

Il recesso dall'appalto da parte dell'Amministrazione committente per sospette infiltrazioni mafiose della società aggiudicataria, non esclude la giurisdizione ordinaria per i diritti sorti dalla precedente esecuzione del contratto. Lo hanno chiarito le Sezioni unite, con la sentenza 22 giugno 2017 n. 15637, accogliendo parzialmente il ricorso di una Srl, attiva nel settore delle grandi opere, che ha agito anche in qualità di mandataria di un raggruppamento di imprese. La Corte d'appello di Messina invece aveva ribadito il difetto ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?