Civile

Il dipendente che divulga atti contro il Comune non è tutelato dal «whisteblowing»

di Donato Antonucci

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

È legittimo il licenziamento di un dipendente comunale che ha diffuso scritti dal contenuto calunnioso. Lo ha deciso la Cassazione con la sentenza 1752 del 24 gennaio scorso. La vicenda Il lavoratore, nell’ambito di un procedimento disciplinare, aveva redatto una memoria difensiva nella quale, oltre che difendere la propria posizione, aveva denunciato svariate condotte illegittime da parte del sindaco e degli assessori, che spaziavano dall’asserita manipolazione del protocollo alla lamentata correzione di delibere di giunta, dal ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?