Civile

Convalida di sfratto nulla, il giudice d'appello può decidere nel merito

Francesco Machina Grifeo

In tema di sfratto per morosità alla cui convalida l'intimato si sia opposto, «qualora il giudice erroneamente - anziché adottare i provvedimenti di cui agli artt. 665e 667 c.p.c. -, emetta senz'altro ordinanza di convalida, questa assume natura decisoria e contenuto sostanziale di sentenza e l'impugnazione deve essere proposta con l'appello». Lo ha stabilito la Corte di cassazione, ordinanza 13 giugno 2017 n. 14625, enunciando un principio di diritto e chiarendo che «con tale atto l'intimato potrà chiedere di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?