Civile

Senza il divorzio resta l’obbligo «pieno» per il coniuge più ricco

di Andrea Gragnani

Le recenti sentenze della Corte di cassazione in materia di mantenimento del coniuge economicamente più debole nella separazione e nel divorzio hanno ulteriormente rimarcato le differenze di funzione tra le due prestazioni economiche con evidenti ricadute sui criteri della loro quantificazione. Partendo dalla fine, possiamo dire che adesso il criterio del tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale rileva unicamente per la quantificazione dell’assegno di mantenimento dovuto al coniuge separato, mentre è stato eliminato ai fini della quantificazione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?