Civile

Separazione senza istruttoria se la convivenza è intollerabile

Francesco Machina Grifeo

Il venir meno della comunione materiale e spirituale fra i coniugi, «essendosi verificate circostanze tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza», fa scattare il diritto del singolo coniuge alla separazione, a prescindere dunque dall'addebitabilità delle condotte, e senza neppure la necessità di una «specifica istruttoria» da parte del giudice. Lo ha stabilito il Tribunale di Milano, con la sentenza 23 febbraio 2017 n. 2253, accogliendo il ricorso di una moglie nei confronti del marito. Nel caso specifico erano ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?