Civile

La protesta in chat non giustifica la fine del franchising

di Marisa Marraffino

Creare un gruppo «WhatsApp» di protesta contro l’aumento delle royalty del franchisor non costituisce una violazione del contratto di franchising così grave da legittimare la cessazione immediata del rapporto. A stabilirlo è il Tribunale di Firenze, che ha accolto il ricorso d’urgenza di un personal trainer contro il centro fitness che da un giorno all’altro gli aveva impedito l’ingresso in palestra a causa del comportamento scorretto tenuto in chat (ordinanza del 4 aprile 2017, giudice Guida). Per il giudice ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?