Penale

Confische antimafia, creditori tutelati

di Giovanbattista Tona

Prima di destinare i beni confiscati in base al Codice antimafia (decreto legislativo 159/2011) bisogna pagare i creditori di buona fede. E anche se con il provvedimento irrevocabile di confisca un’azienda diventa patrimonio dello Stato, i beni che la compongono non vanno considerati indisponibili, finché non si è proceduto a liquidare l’attivo per recuperare le somme necessarie a soddisfare le pretese dei creditori. Sbarra la strada a ogni equivoco l’ordinanza dello scorso 24 febbraio, con la quale il Tribunale ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?