Civile

Legge Pinto: l’esiguità della «posta in gioco» non esclude l’indennizzo

di Patrizia Maciocchi

Il giudice non può respingere la richiesta di indennizzo per l’irragionevole durata di un processo basandosi solo sull’esiguità dell’importo in gioco. La Corte di cassazione, con la sentenza 6643accoglie il ricorso contro la decisione di negare l’indennizzo previsto dalla legge Pinto (legge 89/2001), relativo alla durata, pari a 9 anni e 16 giorni di una causa per espropriazione. Secondo la Corte d’Appello la somma assegnata nell’ambito del giudizio “presupposto”, pari a euro 643,35 era troppo bassa ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?