Civile

Anticipazione assegni senza provvista: la banca non è obbligata a far fronte ad altri pagamenti

di Mario Piselli

In tema di contratti bancari, la reiterata anticipazione di somme per il pagamento di assegni emessi in carenza di provvista non è di per sé sufficiente a giustificare il riconoscimento a carico della banca dell'obbligo di far fronte a ulteriori pagamenti, trattandosi di un comportamento astrattamente ascrivibile anche a mera tolleranza, e quindi inidoneo di per sé a evidenziare univocamente la volontà di addivenire per facta concludentia a una modificazione delle condizioni originariamente concordate. Lo ha stabilito la Cassazione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?