Civile

Finito il rapporto di lavoro no alla casa gratis per il portiere

di Selene Pascasi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Concluso il rapporto di lavoro, il portiere perde il diritto di abitare l'alloggio concessogli gratuitamente dal condominio al momento dell'assunzione. L'obbligazione principale costituita dal contratto lavorativo, infatti, è strettamente legata e non scindibile, da quella accessoria rappresentata dall'uso dell'abitazione. A puntualizzarlo, è il Tribunale di Milano, con sentenza n. 64 del 6 dicembre 2016. Apre il caso, il ricorso promosso dal portiere di uno stabile che decide di citare in causa, dinanzi al giudice del lavoro, il condominio presso ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?