Civile

Perde la caparra l'acquirente che non rogita a causa di modeste infiltrazioni

diFrancesco Machina Grifeo

In una compravendita immobiliare, dopo la sottoscrizione del preliminare, non è giustificabile il rifiuto del promittente acquirente di stipulare il rogito «per la sussistenza di modeste infiltrazioni dal caminetto, la necessità di sostituire la cassetta del w.c. e di adeguare i locali caldaia e cucina con realizzazione dei fori di areazione». Una simile condotta, infatti, è «contraria a buona fede» e costituisce una «reazione del tutto sproporzionata a fronte di problematiche facilmente emendabili». Lo ha stabilito il Tribunale di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?