Civile

Locazioni, no all'equo canone se di fatto l'utilizzo è stato transitorio

di Francesco Machina Grifeo

Va rigettata la domanda dell'inquilino che al termine di una locazione durata 24 anni chieda l'applicazione dell'equo canone, e dunque la restituzione di quanto pagato in eccedenza, se -nonostante la lettera del contratto - l'immobile di fatto sia stato destinato a esigenze abitative «transitorie» e «non primarie». In materia di locazione, infatti, bisogna guardare all'utilizzo concreto che l'affittuario ha fatto dell'abitazione - anche a partire da un certo momento in poi - a prescindere dall'esistenza di un accordo scritto. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?