Civile

Nessun risarcimento a chi accarezza un cane ed è morso

di Andrea A. Moramarco

Il proprietario del cane risponde sempre dei danni arrecati dall’animale a terzi: la responsabilità si presume per il suo rapporto di fatto con l’animale. Ma viene meno se si dimostra che il danno dipende da caso fortuito, che può essere anche il comportamento colposo del danneggiato. Così è respinto la domanda risarcitoria di un uomo che, senza valide ragioni, si era avvicinato ad un cane che già mostrava segni di nervosismo aggressivo per accarezzarlo, venendo morso ad una mano. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?